PRO E CONTRO DELLA SOSTA MOBILE

Quando realizzarla?

  • Quando NON si conosce la direzione di calata e questa potrebbe variare.

 

Vantaggi:

  • Suddivide il carico in modo più o meno uguale su tutti i punti di ancoraggio.
  • Funziona bene qualunque sia la direzione del carico.

 

Svantaggi:

  • In caso di ribaltamento, e se si adotta una tecnica di assicurazione “classica” con mezzo barcaiolo effettuato sul vertice della sosta, porta tipicamente a generare forze di arresto elevate e quindi forti sollecitazioni sull’ultimo rinvio (questo, soprattutto, a causa della postura di chi effettua l’assicurazione).
  • Nel caso di rottura di uno dei rami di cordino, tutta la sosta è compromessa, con le conseguenze pericolose facilmente immaginabili.
  • Nel caso di fuoriuscita di uno degli ancoraggi vi è una (forte) sollecitazione a strappo sul (sui) rimanente(i).

 

Nella predisposizione di questo tipo di sosta, dobbiamo ricordare che:

  • il nodo di giunzione del cordino (o la cucitura della fettuccia) deve essere collocato nel tratto più “corto” del triangolo. In questo modo, in caso di ribaltamento della sosta, si evitano le possibili interferenze del nodo con il moschettone (o i moschettoni) posti al vertice del triangolo, situazione che potrebbe causare una non uniforme ripartizione del carico (e, al limite, provocare la sollecitazione di un solo ancoraggio).
  • i punti di ancoraggio devono trovarsi quanto più possibile sulla verticale, l’uno rispetto all’altro, in modo da ridurre l’angolo di apertura del triangolo. L’accorgimento è necessario perché sugli ancoraggi agisce anche una componente di forza “orizzontale” che, in caso di angolo di apertura molto ampio, può arrivare a generare su ciascuno di essi una sollecitazione addirittura superiore a quella applicata sul vertice del triangolo.
  • la lunghezza del triangolo di sosta non deve essere eccessiva. Maggiore è la lunghezza del triangolo, maggiore risulterà anche la sollecitazione “a strappo” nel caso di volo del capocordata. La stessa considerazione è utile anche per ridurre la sollecitazione che consegue a un’eventuale fuoriuscita di uno degli ancoraggi.